Votazione dall’estero

Anche gli elettori e le elettrici all’estero hanno il diritto di voto. Questi possono essere suddivisi in due categorie:

  1. gli elettori che hanno la residenza permanente nella Repubblica di Slovenia, e sono quindi iscritti nella lista elettorale generale di un seggio elettorale in Slovenia e, nel giorno della votazione, risiedono temporaneamente all’estero (di seguito: elettori temporaneamente all’estero – MIGRANTI);
  2. gli elettori emigrati dalla Repubblica di Slovenia e iscritti nella lista elettorale speciale dei cittadini della Repubblica di Slovenia che non hanno la residenza permanente nel territorio della Repubblica di Slovenia (di seguito: EMIGRATI).

 

I. Gli elettori temporaneamente all’estero – migranti

Gli elettori che, nel giorno delle elezioni, risiedono temporaneamente all’estero possono votare in due modi:

  1. presso la rappresentanza diplomatica-consolare (di seguito: RDC);
  2. per corrispondenza dall’estero.

Per entrambi i tipi di votazione, gli elettori che, nel giorno delle elezioni, risiedono temporaneamente all’estero, devono comunicare la loro intenzione alla Commissione elettorale nazionale. Tale avviso può essere inviato tramite un modulo pubblicato sul sito web della Commissione elettorale nazionale, in tre modi:

  1. per corrispondenza all’indirizzo: Državna volilna komisija, Slovenska cesta 54, SI-1000 Ljubljana, Slovenija;
  2. via fax al numero: 00386 1 43 31 269;
  3. via e-mail (scannerizzato con firma) all’indirizzo .

Il termine per l’invio dell’avviso è obbligatorio e soggetto a una data di ricezione. L’avviso ricevuto in ritardo si considera come presentato oltre il termine previsto!

Nella lista elettorale per il territorio in cui gli elettori hanno la residenza permanente, accanto al nome e cognome dell’elettore, sotto la voce “note”, si inserisce un appunto sul modo di votare. Il comitato elettorale non deve consentire a tali elettori di votare, anche se si presentano fisicamente presso il seggio.

Opzioni di voto:

  1. Voto presso la RDC

Gli elettori che votano presso la rappresentanza diplomatica-consolare della Repubblica di Slovenia, sono iscritti in un apposito elenco. Il giorno della votazione devono presentarsi tra le 9:00 e le 17:00, ora locale, al seggio elettorale presso la RDC, dove il processo di voto è lo stesso che in un seggio elettorale in Slovenia (identificazione degli elettori con un documento personale, firma dell’elettore, votazione con scheda elettorale). Se hanno presentato tempestivamente la domanda di voto presso la RDC, questi elettori non ricevono un avviso separato sull’iscrizione nella lista elettorale.

  1. Voto per corrispondenza

Gli elettori che votano dall’estero per corrispondenza possono restituire il materiale elettorale ricevuto:

  1. all’indirizzo della competente Commissione elettorale distrettuale (l’indirizzo verrà visualizzato sulla busta di ritorno contenuta nel materiale elettorale)
  2. all’indirizzo della RDC della Repubblica di Slovenia, dove si trova il seggio elettorale (il materiale dovrà pervenire fino all’apertura delle urne).

 

II. Elettori sprovvisti di residenza permanente nella Repubblica di Slovenia – emigrati

Gli emigrati hanno diritto di votare a:

  • referendum,
  • elezioni dell’Assemblea nazionale,
  • elezioni del Presidente della Repubblica e
  • elezioni del Parlamento europeo.

Il Ministero degli affari esteri informa gli elettori sprovvisti di residenza permanente nella Repubblica di Slovenia sulle elezioni o referendum e sulle possibili opzioni di voto.

L’emigrato è libero di decidere se esprimere il voto presso il seggio elettorale di una rappresentanza diplomatica-consolare, per corrispondenza o presso uno speciale seggio elettorale presso la sede della Commissione elettorale distrettuale (»OMNIA«).

Opzioni di voto:

  1. Presso la RDC della Repubblica di Slovenia, se in tale RDC viene formato un seggio elettorale e se l’elettore è iscritto nella lista elettorale.

Se l’elettore sceglie di votare presso la RDC, il giorno della votazione deve presentarsi tra le 9:00 e le 17:00, ora locale, al seggio elettorale presso la RDC dove il processo di voto è lo stesso che in un seggio elettorale in Slovenia (identificazione degli elettori con un documento personale, firma dell'elettore, votazione con scheda elettorale).

  1. Per corrispondenza
  1. Elezioni dell’Assemblea nazionale, elezioni del Presidente della Repubblica, elezioni del Parlamento europeo.

La Commissione elettorale, in conformità con le disposizioni dell’art. 82 della Legge sulle elezioni dell’Assemblea nazionale, invia, all’indirizzo di residenza permanente dell’elettore/elettrice all’estero, la scheda elettorale con i nomi dei candidati o delle liste di candidati.

Le istruzioni su come votare per corrispondenza sono parte integrante del materiale elettorale. L’elettore invia la scheda elettorale, compilata e firmata personalmente, all’indirizzo della Commissione elettorale distrettuale (in allegato) o alla rappresentanza diplomatica-consolare della Repubblica di Slovenia.

  1. Referendum:

Se l’elettore che non ha la residenza permanente nella Repubblica di Slovenia (emigrato) desidera votare per corrispondenza, deve comunicare la sua intenzione alla Commissione elettorale nazionale. L’avviso può essere inviato tramite il modulo pubblicato sul sito web della Commissione elettorale nazionale.

L’emigrato può inviare l’avviso:

  1. per corrispondenza all’indirizzo: Državna volilna komisija, Slovenska cesta 54, SI-1000 Ljubljana, Slovenija;
  2. via fax al numero: 00 386 1 43 31 269;
  3. via e-mail (scannerizzato con firma) all’indirizzo .


Il termine per l’invio dell’avviso (messaggio) è obbligatorio e soggetto a una data di ricezione. L’avviso ricevuto in ritardo si considera come presentato oltre il termine previsto!

Gli emigrati che votano dall’estero per corrispondenza possono restituire il materiale elettorale ricevuto:

  1. all’indirizzo della competente Commissione elettorale distrettuale (l’indirizzo verrà visualizzato sulla busta di ritorno contenuta nel materiale elettorale)
  2. (eccezionalmente) all’indirizzo della RDC della Repubblica di Slovenia, dove si trova il seggio elettorale (il materiale dovrà pervenire alla RDC fino all’apertura delle urne).

 

  1. In uno speciale seggio elettorale presso la sede della Commissione elettorale distrettuale (unità amministrativa) – »OMNIA«

L’emigrato che nel giorno della votazione si troverà nella Repubblica di Slovenia, può decidere di votare in uno speciale seggio elettorale presso la sede della Commissione elettorale distrettuale (unità amministrativa) – il cosiddetto seggio elettorale »OMNIA«.

Se l’emigrato desidera votare in questo seggio, deve comunicarlo alla Commissione elettorale distrettuale o alla Commissione elettorale nazionale. L’emigrato invia l’avviso nelle modalità di cui al punto I. L’emigrato deve inviare l’avviso al più tardi entro tre giorni prima del giorno della votazione.

La RDC presso cui l’emigrato è iscritto nella lista elettorale, sarà immediatamente informata del fatto che l’emigrato voterà in Slovenia, e nelle liste elettorali sarà indicata la scelta di tale modalità di votazione.

L’elettore emigrato che decide di votare in un seggio elettorale “OMNIA” compare, nel giorno delle elezioni, nel seggio elettorale “OMNIA” nel luogo da lui scelto. Gli indirizzi esatti dei seggi elettorali ”OMNIA” sono pubblicati, per ogni elezione o referendum, sul sito web della Commissione elettorale nazionale.